BANNER_FERRARI_MEDIA

 

Fernando Alonso © FOTO STUDIO COLOMBO X FERRARI
Fernando Alonso
© FOTO STUDIO COLOMBO X FERRARI

 

Fernando Alonso:
“Nel primo venerdì della stagione c’è sempre un po’ di tensione in più, è l’inizio di un nuovo campionato e l’aspettativa comune è di vedere che tutte le cose su cui si è lavorato durante l’inverno funzionino. Per noi nel complesso è stata una giornata positiva e nonostante ci fosse un po’ di timore per tutte le complessità derivate dall’applicazione delle nuove regole alla vettura è andata bene, la squadra ha fatto un super lavoro e non abbiamo riscontrato problemi. Tra prima e seconda sessione la pista è migliorata, c’era più aderenza rispetto al mattino e anche più vento. Girare con mescola morbida ha certamente aiutato, perché con più grip si registrano tempi più bassi, ma è impossibile avere un’idea chiara sulla nostra competitività, perché come sempre i risultati del venerdì sono poco indicativi. Per saperne di più dobbiamo aspettare di trovarci tutti nelle stesse condizioni”.

Kimi Raikkonen:
“Oggi è stata una giornata piuttosto impegnativa, perché anche se siamo riusciti a portare a termine il programma previsto non sono mancate le difficoltà. Nel primo turno abbiamo perso un po’ di tempo, ma questo non ci ha impedito di raccogliere dati sufficienti ad una valutazione complessiva del comportamento della vettura e delle mescole portate qui dalla Pirelli. Questa sera ci aspetta molto lavoro, soprattutto per comprendere cosa non ha funzionato e per cercare di migliorare in vista di qualifica e gara”.

Pat Fry:
“Oggi abbiamo cercato di sfruttare le buone condizioni offerte da meteo e pista per lavorare su differenti strategie e mappature in funzione della gara, perché per il weekend le previsioni sono molto incerte, in particolare nella giornata di domani. Durante la prima sessione di prove ci siamo concentrati sull’assetto della vettura, soprattutto per migliorarne il bilanciamento in frenata e per ottimizzare il feeling dei piloti, mentre nel secondo turno ci siamo dedicati alla valutazione del rendimento della mescola morbida, completando il programma con una serie di giri sulla lunga distanza. E’ molto complicato far funzionare il nuovo sistema alla perfezione ed ancor più complesso – una volta raggiunta questa soglia – farlo lavorare al massimo della prestazione. La strada è lunga e in questo momento è importantissimo rimanere concentrati, dedicando la massima attenzione ad ogni minimo dettaglio”.

 

Rispondi