Felice Monteleone – FMPhotoSport Formula1 News

GP di Ungheria – Gara, 26 Luglio 2015

 

La Scuderia Ferrari domina il Gran Premio d’Ungheria, concluso con il successo di Sebastian Vettel. Sfortunata prova per Kimi Raikkonen

 

Sebastian Vettel | Scuderia Ferrari | GP di Ungheria
Sebastian Vettel | Scuderia Ferrari | GP di Ungheria

 

Budapest, 26 luglio – Una lunga cavalcata di 69 giri sul circuito dell’Hungaroring si è conclusa con il successo di Sebastian Vettel. Il pilota tedesco ha preso il comando nei primi metri dopo il via, passando di forza le due Mercedes di Nico Rosberg e Lewis Hamilton. Vettel ha visto annullato il vantaggio di 30 secondi accumulato sull’avversario tedesco dall’ingresso in pista della Safety-Car, avvenuto al giro 42. “Seb” non ha perso la concentrazione, gestendo al meglio l’ultimo terzo di gara e transitando sotto la bandiera a scacchi cogliendo la sua seconda vittoria da ferrarista, la sua prima sul tracciato ungherese.
Decisamente sfortunata la gara di Kimi Raikkonen. Il pilota finlandese ha occupato a lungo la seconda posizione conquistata grazie ad un’ottima partenza e ad un grintoso sorpasso su Rosberg alla frenata della curva “2”. Kimi è rimasto alle spalle del compagno di squadra per due terzi di gara, ma le sue chance di tornare sul podio sono terminate al giro numero 56, a causa di un problema al sistema ibrido della sua monoposto che lo ha costretto al ritiro.

 
Maurizio Arrivabene: “Una fantastica vittoria! Nel corso delle ultime settimane ci siamo sentiti dire che eravamo in crisi, ma molte persone evidentemente non sanno o non vogliono leggere i numeri. È un dato di fatto, come avevamo anticipato molto tempo fa, che avremmo potuto avere alti e bassi nel corso della stagione, ma questo non significa che stessimo andando indietro. Dopo un pessimo venerdì, in questo fine settimana sapevamo di avere solo la P3 del sabato mattina per assettare correttamente la vettura, ma abbiamo mantenuto la calma e siamo riusciti a recuperare. Non al punto di credere di poter vincere la gara, ma abbastanza per essere sicuri di poter lottare con le vetture di testa. Poi sia Seb che Kimi hanno fatto una partenza spettacolare e guidare in ‘aria pulita’ sicuramente fa la differenza in termini di gestione degli pneumatici, anche perché sapevamo che i primi due set di Soft avrebbero lavorato bene. Purtroppo sono molto deluso dal fatto che Kimi non sia arrivato alla fine, perché stava facendo una gran gara. Gli faccio i miei complimenti. Questa è la Formula 1 e dobbiamo considerare la mancanza di affidabilità come un’altra sfida per il futuro. Oggi abbiamo vinto, ma dobbiamo continuare a mantenere i piedi per terra, rimanere umili e concentrati”.

 
Kimi Raikkonen: “Peccato per quello che è successo oggi in gara, ma quando non si ha fortuna non c’è nulla da fare, comunque abbiamo dato il massimo. Entrambi abbiamo fatto una bella partenza, probabilmente la migliore dall’inizio della stagione, eravamo veloci e siamo stati in grado di rimanere davanti. Oggi siamo stati sempre veloci e mi aspettavo di poter spingere fino alla fine, ma a un certo punto ho sentito qualcosa di strano nella macchina, il rumore cambiava e ha iniziato ad andare sempre peggio. Abbiamo cercato di risolvere il problema, ma non è stato possibile e così ho deciso di ritirarmi. Come team è stata una grande giornata grazie al successo di Sebastian, anche se penso che avremmo meritato un risultato migliore, anche più di una vittoria. Senza il mio problema avremmo potuto ottenere facilmente una doppietta, ma le cose sembrano andare sempre nel peggior modo possibile… In generale nella prima parte della stagione siamo stati veloci ma un po’ sfortunati. E’ sempre accaduto qualcosa che ha rovinato la mia gara. Ora ciò che più conta è sbarazzarsi di tutti i problemi, continuare a spingere e sperare che la fortuna torni dalla nostra parte, per ottenere quello che meritiamo”.

 
Sebastian Vettel: “E’ stata una settimana difficile, piena di alti e bassi. E come ho detto dopo il traguardo, dedico la vittoria a Jules e alla sua famiglia. E’ stata una corsa difficile, specialmente alla fine, quando i pensieri si affollavano nella mia mente, ma di certo sono molto felice del risultato. Per noi è stata una grande gara sin dall’inizio, la partenza è andata benissimo e da lì in avanti abbiamo avuto un ottimo ritmo e siamo stati in grado di controllare la corsa. Non posso certo dire che la safety car nel finale ci abbia aiutato, ma siamo riusciti lo stesso a rimanere davanti, vincendo il Gran Premio. Fantastico guardare giù dal podio e vedere tutti i ragazzi del team così felici. Oggi abbiamo dimostrato che i nostri buoni risultati non dipendono dalla fortuna. Anzi, delle due siamo stati un po’ sfortunati con la safety car, ma anche con la gomma più dura, siamo riusciti a spingere a fondo, a rimanere davanti e a non permettere a chi ci inseguiva di riuscire a usare il DRS per tentare il sorpasso. E’ stata una grande giornata per tutti, e un grande recupero dal venerdì. Specie dopo che erano circolate voci sul fatto che fossimo in crisi… Un grazie a tutti i nostri partner e alla Shell che lavora per darci sempre più potenza”.

 
Sergio Marchionne, Presidente della Ferrari, dopo il successo di Sebastian Vettel nel GP d’Ungheria, ha detto: “Una vittoria che vogliamo dedicare alla memoria di Jules Bianchi, un ragazzo fantastico che ci manca tanto. Purtroppo oggi non possiamo festeggiare un primo e secondo posto che erano alla nostra portata per i problemi avuti sulla macchina di Kimi. Un monito ulteriore a non abbassare mai la guardia: dobbiamo sempre lavorare per chiudere il divario con chi ci sta davanti ma senza mai dimenticare l’affidabilità. Tra poco ci fermeremo per la pausa estiva da cui, sono sicuro, tutta la Scuderia tornerà ancora più agguerrita e determinata”.

 

Rispondi