Felice Monteleone – FMPhotoSport Moto3 News

Gresini Racing Team Moto3 Team, Jerez Official Test

 

Bastianini ancora tra i più veloci a Jerez. Di Giannantonio rallentato da una caduta

 

 

Enea Bastianini – Courtesy of Gresini Racing Team Moto3 Press Office
Enea Bastianini – Courtesy of Gresini Racing Team Moto3 Press Office

 

Nel secondo giorno di test IRTA sul circuito di Jerez i piloti del Gresini Racing Team Moto3, Enea Bastianini e Fabio Di Giannantonio, hanno continuato a lavorare sulle loro Honda NSF250RW, portando a termine 36 giri ciascuno nelle tre sessioni odierne.

A fine giornata Bastianini ha siglato il crono di 1’46”725, limando tre decimi di secondo rispetto alla sua miglior prestazione di ieri e attestandosi in sesta posizione nella classifica combinata. Il diciottenne riminese si è detto soddisfatto del lavoro svolto, concentratosi su diverse prove di assetto alla ricerca di una migliore percorrenza di curva. Qualche difficoltà in più oggi invece per il suo compagno di squadra, l’esordiente Fabio Di Giannantonio: dopo un buon turno mattutino, il diciassettenne romano è infatti incappato in una caduta nella seconda sessione che ha poi compromesso anche il suo ultimo turno in pista, nel pomeriggio.

 
ENEA BASTIANINI (6° – 1’46″725)
“Oggi abbiamo continuato a lavorare con un assetto simile a quello utilizzato ieri, poi siamo intervenuti con una modifica che ha funzionato, per cui il lavoro è proseguito in quella direzione; a fine giornata abbiamo registrato un buon tempo, quindi possiamo essere soddisfatti. Sicuramente dobbiamo ancora lavorare su alcune aree, soprattutto per quanto riguarda la nostra efficacia con la gomma morbida, una situazione nella quale ancora non riesco a fare la differenza come altri piloti, e anche sul fronte della percorrenza in curva. Domani ci concentreremo su questi aspetti e sono convinto che potremo fare altri passi avanti”.

 
FABIO DI GIANNANTONIO (29° – 1’48″539)
“La giornata era partita abbastanza bene questa mattina: nella prima sessione avevo infatti ottenuto un buon tempo, già vicino alla mia migliore prestazione di ieri, poi purtroppo nel secondo turno ho fatto un errore e sono caduto alla curva 5, compromettendo così anche la terza e ultima sessione, che ho utilizzato più che altro per riprendere il giusto feeling con la moto. Peccato, oggi avremmo voluto provare alcune soluzioni di set-up, ma non è stato possibile. Ci riproveremo domani”.

 

Rispondi